DI:Silvia Fanini

Blog

Respirare significa vivere e vivere significa respirare.

La respirazione è ciò che ci lega alla vita.

Il processo di respirazione (inspirazione ed espirazione continuo e regolare) è il ritmo dell’esistenza, l’interscambio tra Organismo e Ambiente.

Da queste poche righe possiamo capire l’importanza della respirazione. La respirazione è vita, è fluire, è esistenza.

Comunemente noi non siamo consapevoli del nostro respiro, non ci facciamo caso. Sappiamo che esiste, che è fondamentale per la nostra esistenza, ma tutto finisce qui.

Ognuno di noi respira in modo differente, influenzato dalle condizioni fisiche ma anche dai vissuti esistenziali ed emozionali. L’abitudine al respirare può quindi prendere diverse forme (corto, pieno, convulso, confuso…). Questo ritmo si modifica quando la persona deve affrontare situazioni nuove ed impegnative: il ritmo respiratorio si può interrompere, il corpo si irrigidisce leggermente, si crea tensione.

Il blocco del respiro è alla base dei pensieri negativi, dei pensieri disfunzionali (fobie, ossessioni, paranoia, sensi di colpa) e delle tensioni muscolari.

RECUPERARE LA CONSAPEVOLEZZA DEL RESPIRO, partendo dall’ASCOLTO DEL SUO RITMO E LASCIANDOSI ANDARE AD ESSO, è quindi IL PUNTO DI PARTENZA per allentare le tensioni,  superare i pensieri negativi e recuperare la sicurezza del nostro esserci nel mondo.

Side bar